Direttore artistico e creativo: di cosa si tratta e perché è importante averne uno

1 Marzo 20240

L’importanza del direttore artistico e creativo

Se lavori in un’agenzia di comunicazione o ti sei interfacciato con questo ambiente, sicuramente avrai sentito parlare di “direttore artistico” o “direttore creativo“. Oggi ti voglio parlare proprio di questo ruolo, fondamentale in ogni agenzia e spesso punto di arrivo per le carriere dei creativi. Ma di cosa si occupa esattamente un direttore creativo? E come diventarlo? Scopri tutte le risposte in questo articolo.

Direttore artistico cosa fa?

Partiamo dalla definizione. Innanzitutto direttore artistico e direttore creativo sono sinonimi; il primo è più utilizzato nel mondo dello spettacolo, il secondo nell’industria pubblicitaria e del fashion.

Il direttore creativo è una figura professionale responsabile dell’impostazione creativo/artistica dell’agenzia o azienda. 

Dove troviamo un direttore creativo?

  • agenzie pubblicitarie
  • agenzie grafiche
  • agenzie di comunicazione
  • editoria
  • aziende di moda
  • agenzie di eventi

Il direttore artistico è a capo del team creativo, composto generalmente da grafici, copywriter, art director e videomaker, e si occupa di gestire il team, assegnando i carichi di lavoro, coordinando i ruoli e supervisionando. Inoltre è il responsabile del lavoro finale, ed è lui a dare una direzione creativa all’intero operato. Si deve quindi assicurare che ogni attività sia in linea con lo stile e la direzione scelta.

Insomma, è un ruolo di grande responsabilità che unisce spiccata creativitàcompetenze manageriali. Ma come si diventa direttore creativo?

Come diventare direttore artistico

Partiamo con lo specificare che il direttore creativo è un ruolo senior.

La seniority necessaria per diventare un Direttore Creativo può variare notevolmente in base all’industria, all’agenzia o all’azienda specifica. Tuttavia, generalmente, diventare un Direttore Creativo richiede un significativo bagaglio di esperienza e competenze nella creatività, nel marketing e nella gestione di team creativi.

Molte persone raggiungono la posizione di Direttore Creativo dopo aver accumulato diversi anni di esperienza nel settore della pubblicità, del design, del marketing o di campi correlati. Tipicamente, nelle agenzie pubblicitarie i direttori creativi sono art director o copywriter senior con molti anni di esperienza.

In media, potrebbe richiedere almeno 8-10 anni di esperienza lavorativa nel campo della creatività e della pubblicità per raggiungere il livello richiesto per diventare Direttore Creativo. È importante sottolineare che oltre all’esperienza, la leadership, la capacità di gestire progetti complessi e la visione strategica sono qualità fondamentali per eccellere in questo ruolo, oltre a formazione continua e voglia di crescere e mettersi in gioco.

Tuttavia, è importante notare che ci sono variazioni considerevoli nel percorso di carriera delle persone, e alcuni individui possono raggiungere posizioni di leadership più velocemente o con percorsi diversi in base alle opportunità e alle competenze sviluppate nel corso della loro carriera.

Di cosa si occupa un direttore creativo

Abbiamo dato una definizione di questo ruolo, ma quali sono le responsabilità e i compiti di un direttore creativo nella vita di tutti i giorni?
Ecco un elenco di alcune task generalmente affidate al direttore creativo.

  • Definire la linea creativa dell’azienda cliente
  • Sviluppare concetti creativi, strategie di marketing e campagne di branding
  • Stabilire le linee guida per l’esecuzione del progetto creativo
  • Gestire il carico di lavoro e l’assegnazione dei compiti
  • Supervisionare e coordinare le attività quotidiane del team creativo
  • Gestire i rapporti e gli incontri con i clienti
  • Interfacciarsi con i project manager, con il reparto finanziario e con la direzione
  • Fare formazione professionale costante
  • Presentazione al cliente

Insomma, sicuramente un elenco di task e responsabilità molto elevato. D’altronde parliamo di uno dei ruoli più importanti all’interno di un’agenzia. Il direttore creativo è infatti fondamentale per qualsiasi realtà che lavori nel campo della comunicazione, degli eventi, del fashion e dell’editoria.

Ma che università fare per diventare direttore creativo?

Non esiste una risposta univoca, in quanto i direttori creativi possono provenire da moltissimi background diversi. Sicuramente aiuta avere un percorso di studi inerente al settore in cui si opera, che sia il fashion, l’editoria, lo spettacolo o la comunicazione. Ma come non esiste un unico percorso, non esiste neanche una laurea specifica per diventare direttore artistico. La buona notizia è che non è mai troppo tardi per cercare di virare la tua carriera e raggiungere obiettivi sempre più alti, come diventare direttore creativo: seguire corsi di specializzazione e formazione, online o in presenza, ti consente di acquisire competenze importantissime per la tua carriera.

Se non hai un direttore creativo e hai bisogno di trovare la strada giusta per la tua azienda, i miei servizi di consulenza sono quello che fa al caso tuo. Dalla Brand Strategy per la tua azienda e i servizi di direzione artistica e creativa fino alle strategie di social media marketing e digital marketing, offro la mia esperienza al servizio del tuo brand, per raggiungere insieme il successo. Scopri di più qui.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

uno × tre =